HOME   2017

TUTTE le EDIZIONI del GIOCO dell'AITA

 

Presentazione:

1939: Progetto di rilancio

         Le squadre

         Il campo

         I  Parte

         II Parte

         Notizie

         Poesia

Progetto 2012

Video  Redazione Città di Urbino (condivisione)

Video dimostrativo Red. Città di Urbino (condivisione)

Trofeo, Edizioni Moderne e Squadre Vincitrici

 

 

 

AITA

 

L’Aita era un gioco militaresco di destrezza e forza praticato dalla Legione Metaurense a Borgo Mercatale, in onore del Duca Federico, per più di duecento anni nei periodi di non belligeranza (tanto che si trovano citazioni anche nel diario di Francesco Maria II 1589 - 1593).

... «(1)  Vi si usava anche il giuoco dell'aìta che era come una lotta, e credesi che così si chiamasse per l'aita che si davano vincedevolmente fra di loro quelli di una parte contro l'altra. Durò questo giuoco molto tempo; giacchè nel diario di Francesco Maria II, leggesi: "a' dì 6 agosto 1589: si fece l'aita nel Mercatale: a' dì 10 settembre: si fece la seconda aita nel Mercatale e così nel 1590 e 1593 ...» pag. 14 Nota (1) Vol II di Copia anastatica - Accademia Raffaello Urbino - 2008 de libro di Filippo Ugolini - Storia dei duchi di Urbino - - Firenze, Grazzini, Giannini e C. - 1859

... «Ma dove Francesco più intendeva l'animo, era il mantenere in fiore l'antica fama delle milizie metaurensi, essendo peritissimo in tutte le cose cavalleresche e di guerra.  Nelle quali ebbe sempre cura specialissima che anche i suoi sudditi si esercitassero; quindi, appena succeduto al padre, l'animo applicò a ripristinare l'antica disciplina.  E gli uomini ascritti alla milizia faceva anche esercitare al tiro e in certi giochi ginnastici che avevano un simulacro di guerra, e che chiamavano l'aita, e si eseguivano frequentemente in Urbino, durante i mesi caldi, nel largo piano deto anche oggi il Mercatale.» ... pag. 473 Vol II di Copia anastatica - Accademia Raffaello Urbino - 2008 de libro di Filippo Ugolini - Storia dei duchi di Urbino - - Firenze, Grazzini, Giannini e C. - 1859
 

L’Associazione crede fortemente nel rinnovo di questo gioco militaresco al fine di rievocare e tramandare un evento dimenticato che è stato realmente parte della storia del nostro Ducato che per tanti anni fu lo Stato più guerriero, armato e fiorente d’Italia. (Rappresentazione domenica 19 Agosto, ore 21.00 – Arena Borgo Mercatale con partenza alle 20.45 dalle scalinate del Duomo dopo la Cerimonia della Benedizione delle bandiere).

Il ministero dei Beni e Attività Culturali, MiBAC,  ha recentemente classificato l' AITA tra i quindici giochi storici più prestigiosi d'Italia,

 

Il gioco dell'AITA era come una lotta e aveva questo nome perchè il giocatore in difficoltà poteva ottenere man forte dai compagni del suo gruppo invocando aiuto, aita.
Questo gioco ad Urbino durò molto tempo; giacchè nel diario di Francesco Maria II, leggesi in "Storia dei Conti e Duchi di Urbino" di Filippo Ugolini:

-  Al dì 6 agosto1589 si fece l'aita nel Mercatale.

-  Al dì 10 settembre si fece una seconda aita.

-  E così nel 1560 e 1563. 

 

TROFEO UGOLINI

Trofeo Ugolini realizzato dall'artista urbinate Ermes Ottaviani.

Una targa ricordo è stata consegnata al dott. Andrea Ugolini per il generoso appoggio a questa prima dimostrazione del Gioco.

 

1ª Edizione dell'AITA: nel 2012 alla XXXI Festa del Duca
dedicata al Cav. Guido Ugolini e al Cav. Gastone Bertozzini

(Turchini, % a 4)

La prima dimostrazione del Gioco dell'Aìta in epoca moderna ha visto la vittoria della squadra dei Turchini, capitanata da Messere Piero degli Ubaldini della Carda in rappresentanza della nobiltà, contro la squadra dei Gialli, in rappresentanza del popolo, capitanata da Mastro Andrea della Fagiuola, che è stata battuta per 5 a 4 bandiere "rubate". I Turchini vincono così il Primo Trofeo Ugolini. I 30 atleti che hanno preso parte alla contesa sono della squadra di Rugby urbinate "Valmetauro Titans Rugby"

Forte la partecipazione del pubblico che ha assistito con molto interesse a questa prima rappresentazione dell'Aita: cori e tifo dalle gradinate hanno infatti incoraggiato i giocatori. Dopo un primo tempo di 15 minuti in cui i giocatori di entrambe le squadre non sono riusciti a rubare la bandiera avversaria, posta a 3 metri di altezza, il secondo tempo, intervallato dal variopinto spettacolo degli sbandieratori di Sansepolcro, è stato caratterizzato da una maggiore scelta strategica, nonostante la stanchezza degli atleti. La squadra dei gialli termina la tenzone con un giocatore in meno.

  VIDEO - Link a TELE2000

 

2ª Edizione dell'AITA: nel 2013 alla XXXII  Festa del Duca

(Gialli, 8 a 7)

Vincono Gialli rappresentanti del popolo con il punteggio di 8 bandiere a 7 contro Turchini rappresentanti della nobiltà e si aggiudicano il Trofeo. 

Partita singolare dove i popolano hanno capovolto con ardimento una situazione particolarmente a loro sfavorevole. Difatti, il primo tempo si è concluso con il punteggio 6 a 0 in favore dei Turchini; il secondo tempo vedeva le due squadre un parità con il punyeggio di 7 bandiere a 7.  Nei tempi supplementari vincono i Gialli catturando la prima bandiera avversaria e aggiudicandosi il trofeo con il punyeggio di 8 a 7.

VIDEO - Link a Redazione Città di Urbino

 

3ª Edizione dell'AITA: nel 2014 alla XXXIII  Festa del Duca

(Turchini 7 a 3)

La squadra dei Nobili dal colore Turchino guidata da Messere Piero Ubaldo della Carda dopo la prima tenzone di 20 minuti con orgogliosa determinazione era in vantaggio di 4 bandiere conquistate contro nessun punto dell'altra squadra.
All'inizio della seconda tenzone la squadra rappresentante il Popolo dai colori Gialli ha reagito conquistando tre bandiere nell’arco di poco tempo, ma i Turchini hanno risposto combattendo fino allo stremo delle forze e concludendo la partita con il punteggio di 7 a 3.
L'aitante Federico Ambrogiani si sggiudica un trofeo per essere stato il miglior giocatore in campo; il trofeo è stato realizzato dal ceramista Pucci.

 

 

 

VIDEO - Link a TELE2000

FOTO de IL Resto del Carlino

VIDEO Guendalina

4ª Edizione dell'AITA: nel 2015 alla XXXIV  Festa del Duca

(Gialli, 24 a 16)

Il gioco dell'Aita è iniziato con la sfida dei piccoli aitanti che hanno  disputato un unico incontro di 12 minuti. I giovanissimi turchini, guidati da Messere Alberico Bracaloni hanno vinto conquistando 12 bandiere contro le 7 dei gialli, portando così a casa non solo il la vittoria, ma anche qualche graffio alle ginocchia.

La vera sfida dell'Aita ha visto il trionfo della squadra popolana dei Gialli guidata da Mastro Andrea della Faggiola, dopo un cobattutissimo incontro che ha infuocato gli animi degli spettatori, circa 3000. Subito dopo la prima manches di 20 minuti, il punteggio segnava un leggero stacco dei Gialli sulle bandiere conquistate alla squadra Turchina dei nobili: 11- 8. Il secondo tempo ha decretato una schiacciante vittoria, nonostante rapide azioni di attacco e di rimonta dei Turchini, concludendo la partita con 24 a 16 a favore della squadra gialla del popolo.

VIDEO - Link a TELE2000

Video cliccare:  http://www.ilrestodelcarlino.it/pesaro/cronaca/video/urbino-aita-2015-fuochi-artificio-rinascimentali-1.1226537

 

 

5ª Edizione dell'AITA: nel 2016 alla XXXV  Festa del Duca

(Turchini, 6 a 4)

Nell'arena di Borgo Mercatale alla presenza di circa 3000 spettatori si sono esibiti come nelle precedenti edizioni i giocatori della Valmetauro Titans Rugby che pur militando nella stessa squadra non si sono risparmiati per risultare vincitori nei panni degli aitanti Turchini e Gialli.

Dopo i primi 20 minuti di sfida, i Turchini guidati dal nobile Messere Dario Surano, si sono portati in vantaggio con 3 bandiere conquistate sulle 2 della squadra popolana dei Gialli. Schiene graffiate e braccia insanguinate e l'allontanamento dall'Area di Mastro Andrea di Casteldurante, capitano della squadra popolana e di un aitante della squadra nobile dovuto a contusioni provocate da forti placcaggi in campo, non hanno impedito alle due squadre di attaccare, saltare, difendere e lottare fino all'ultimo per conquistare il maggior numero di bandiere avversarie. Il secondo tempo ha confermato la supremazia tattica e di forza dei Turchini, decretando la vittoria di 6 vessilli verso i 4 conquistati dai Gialli.

VIDEO - Link a Tele2000